Corsi Enermedica su Enerjet 2.0 – Roma e Milano – Italia

Il Sabato 27.10 a Roma e la Domenica 28.10 a Milano. Il Sabato nelle aule della Scuola Italiana di Medicina Estetica di Roma e la Domenica nelle aule della Scuola di Medicina Estetica Agorà di Milano. Ho descritto i presupposti teorici e le applicazioni cliniche di una nuova tecnologia chiamata Enerjet 2.0. Il sistema permette di introdurre nello spessore della pelle o sotto di essa qualsivoglia sostanza senza l’utilizzo di aghi. Il materiale scelto (di solito acido ialuronico) viene inoculato grazie ad una altissima pressione che lo spinge nello spessore della pelle. Una volta introdotto nella pelle il materiale esplode (si parla di effetto blast) in migliaia di piccole goccioline che muovendosi in senso centrifugo (proprio come i frammenti di una bomba) creano, come microscopici proiettili, migliaia di micro- canali. Questi canali, compresi dall’organismo come microtraumi, verranno riparati seguendo la fisiologica cascata riparativa stimolando in modo molto potente la produzione di nuovo collagene ed il rimodellamento dello stesso. La metodica può essere utilizzata nel ringiovanimento avanzato del volto, del collo, del decolleté e delle mani. Una delle sue indicazioni principali è il trattamento delle cicatrici atrofiche da acne nel quale la metodica è applicata sul fondo di ogni cicatrice. In questo modo si osserverà il sollevamento del fondo di ognuna di esse. Una sua ulteriore particolare applicazione è chiamata “Kinetic Lift” e consiste nell’inoculare in molteplici pomfi acido ialuronico 1 cm posteriormente alla linea dell’attaccatura dei capelli. La procedura è poi estesa dietro all’orecchio e spesso anche lungo la linea della mandibola. L’effetto irritativo della procedura tenderà a “liftare” verso l’alto tutti i tessuti molli del volto. Ho eseguito più di 15 trattamenti in due giorni anche affrontando patologie serie come cicatrici cheloidee del tronco e vaste cicatrici da ustione del cingolo scapolare e del braccio.

Sono il primo in Italia ad utilizzare questa apparecchiatura che spero possa diffondersi rapidamente tra i colleghi